Studio Bolchini
Homepage Profilo dello studio    Attivitą   Realizzazioni   Contatti   @
Progettazione
Certificazione energetica degli edifici
Perizie e Consulenze tecniche
Prevenzione incendi
Coordinamento della Sicurezza
Direttiva cantieri (D.Lgs. 494/96)
Attività

 

 

La "Direttiva Cantieri" - 92/57/CEE - è la normativa europea che riguarda la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei "Cantieri temporanei e mobili" ed è stata recepita dallo Stato italiano con il D.Lgs. 494/96 e modificata successivamente con il D.Lgs. 528/99 entrato in vigore il 18 aprile 2000.

La direttiva si applica a tutti quei lavori edili e di genio civile che comportino un "cantiere temporaneo e mobile". Riguarda quindi le nuove costruzioni, ma anche lavori di manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione e risanamento di un bene immobile.

Con la normativa in vigore il Committente assume un ruolo attivo nel processo di verifica degli adempimenti in materia di sicurezza nei cantieri, mediante la nomina del Coordinatore della sicurezza (in fase progettuale ed esecutiva) che, nei casi previsti, a sua volta provvederà alla stesura del Piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) e alla successiva verifica e accertamento delle eventuali inosservanze alle disposizioni di sicurezza. Il PSC è obbligatorio nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese (intesi anche lavoratori autonomi), con almeno 200 uomini - giorni e in cui i lavori comportino gravi rischi, quali caduta dall’ alto, ecc. (ex allegato II, d.lgs 528/’99).

Il nostro studio si occupa dal 1997 di sicurezza nei cantieri, con la redazione di Piani di sicurezza per lavori edili (fase progettuale) e a occuparsi di sicurezza in fase esecutiva, relativamente a:

Ristrutturazioni di parti condominiali (facciate, coperture, cortili, ecc);
Ristrutturazione di unità abitative;
Interventi di restauro conservativo, nuove costruzioni (con; demolizioni generali con mezzi meccanici; formazione di scavi, realizzazioni di piani interrati, ecc.).

In particolare il piano contiene, in relazione alla tipologia del cantiere interessato, i seguenti elementi:

Modalità da seguire per la recinzione del cantiere, gli accessi e le segnalazioni;
Protezioni o misure di sicurezza contro i possibili rischi provenienti dall’ambiente esterno;
Servizi igienico assistenziali;
Protezione e misure di sicurezza connesse alla presenza nell’area di cantiere di linee aeree e condutture sotterranee; e) Viabilità principale di cantiere;
Impianti di alimentazione e reti principali di elettricità, acqua, gas ed energia di qualsiasi tipo;
Impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche;
Misure generali di protezione contro il rischio di seppellimento da adottare negli scavi;
Misure generali da adottare contro il rischio di annegamento;
Misure generali di protezione da adottare contro il rischio di caduta dall’alto;
Misure per assicurare la salubrità dell’aria nei lavori in galleria;
Misure per assicurare la stabilità delle pareti e della volta nei lavori in galleria;
Misure generali di sicurezza da adottare in caso di estese demolizioni o manutenzioni, ove le modalità tecniche di attuazione siano definite in fase di progetto;
Misure di sicurezza contro i possibili rischi di incendio o esplosione connessi con lavorazioni e materiali pericolosi utilizzati in cantiere;
Disposizioni per dare attuazione a quanto previsto dall’art. 14;
Disposizioni per dare attuazione a quanto previsto dall’art. 5, comma 1, lettera c);
Valutazione, in relazione alla tipologia dei lavori, delle spese prevedibili per l’attuazione dei singoli elementi del piano;
Misure generali di protezione da adottare contro gli sbalzi eccessivi di temperatura;


Studio Bolchini - Milano, Via L. Manara, 11 -   tel. +39 02 5468664   fax +39 02 54059822